Mostra SILK RELOADED 2.0

A S. Pietro in Atrio dall’11 gennaio all’1 febbraio 2015

 

quando: dal 11 gennaio al 1 febbraio 2015 – inaugurazione sabato 10 gennaio alle 18
dove: S. Pietro in Atrio, Via Odescalchi 1, Como
orari: martedì-venerdì dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 16.30
sabato e domenica dalle 14.30 alle 19.00 – lunedì chiuso
ingresso: libero

 

Dopo il successo della prima edizione di Silk Reloaded, il tessile comasco torna ad incontrare la gente nel cuore della sua città. E lo fa attraverso i progetti degli studenti che fanno parte di uno dei più importanti istituti superiori di formazione del tessile moda in Italia, il Paolo Carcano di Como, conosciuto in città e nel settore come il Setificio.
L’Istituto Paolo Carcano, con la sua storia e le sue attività, è infatti il principale protagonista di una mostra dedicata al settore moda e pensata per il pubblico e le famiglie con l’obiettivo far comprendere come si impara un mestiere tanto affascinante come quello nell’ambito del tessile-abbigliamento.
Promossa da Fondazione Setificio e Associazione Ex Allievi Setificio con il Museo Didattico della Seta e supportata da Confartigianato Imprese Settore Moda e da Unindustria Gruppo filiera Tessile, la mostra gode del Patrocinio e del sostengo dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Como.
In pieno centro storico, nello spazio suggestivo di San Pietro in Atrio scorre davanti agli occhi dello spettatore la storia e il futuro della scuola tessile comasca, punto di riferimento dell’intero settore. Si potranno riscoprire affascinanti quaderni di tessitura, oggetti da collezione rilegati in pelle e scritti a mano, storici campioni di tessuto e altri documenti e disegni risalenti ai primi anni del Setificio, nato nel 1869 come scuola per maestranze e poi trasformata nel 1903 in Istituto Nazionale di Stato e oggi in ISIS – Istituto Secondario di Istruzione Superiore.
Al centro della sede espositiva si collocano i progetti realizzati oggi nell’ambito della didattica, che ben evidenziano il nuovo approccio formativo adottato dall’istituto, una modalità progettuale in grado di connettere competenze tessili professionali a creatività. Il tutto con una forte relazione con le aziende del territorio, che dimostrano sempre di più di apprezzare il lavoro di studenti ed insegnanti.
Sono esposti una serie di elaborati sviluppati dagli studenti in collaborazione con Afran, artista sempre più affermato – recentissima la sua partecipazione alla mostra Textile Vivant presso la Triennale di Milano. Questi oggetti raccontano un percorso di arte e creatività, che via via viene applicata in veri e propri prodotti moda: attraverso questo tipo di processo gli studenti acquisiscono una competenza originale e specifica, subito spendibile nel mondo del lavoro. In primo piano quindi le progettazioni e gli inediti tessuti realizzati dagli studenti, affiancati dalle opere d’arte contemporanea di Afran
Completa il percorso espositivo un’area tutta da scoprire, con il futuro della progettazione tessile, che guarda oltre e sperimenta nuove tecnologie, crea sinergie con settori contigui, come il mondo del gioiello, riscopre antiche pratiche e le reinventa, riparte dal riciclo per creare nuove forme del tessile per la moda e per l’arredo. Tra i lavori attualmente in corso la collaborazione tra il Setificio e la Fondazione Gianfranco Ferrè. Proprio a questa attività sarà dedicato un evento collaterale alla mostra fissato per il 27 gennaio, un incontro al Setificio intitolato “Progettare il materiale” alla presenza dei responsabili di Fondazione Ferre’
Particolare l’atmosfera presente in San Pietro in Atrio anche grazie ad una colonna sonora ispirata alla lavorazione tessile, creata per l’occasione dal compositore Flavio Settegrani.