Abbonamento Musei Lombardia Milano

Como aderisce al progetto di Regione Lombardia

 

Su proposta dell’assessore alla Cultura Luigi Cavadini, il Comune di Como ha aderito a “Abbonamento Musei Lombardia Milano”, il progetto di Regione Lombardia per incentivare e favorire il miglioramento dei servizi culturali lombardi e lo sviluppo dell’attrattività del territorio.
Il progetto ripercorre le orme di un’analoga iniziativa promossa sul proprio territorio da Regione Piemonte, ente con cui il Pirellone ha sottoscritto un protocollo d’intesa per incentivare il turismo di prossimità attraverso la sinergia dei sistemi museali delle due regioni.
Operativamente la gestione in Lombardia è stata affidata a Torino Città Capitale Europea (tra i soci fondatori Regione Piemonte, il Comune e la Provincia di Torino), l’associazione che gestisce dal 1999 il progetto Abbonamento Musei Torino Piemonte, l’unica tessera in Italia che permette ai cittadini l’ingresso libero ai musei di tutta una regione.

Grazie all’adesione deliberata dalla giunta di Palazzo Cernezzi, attraverso un abbonamento annuale, acquistabile anche ai Musei Civici di Como, si potranno visitare tutti i musei convenzionati della Lombardia.
A Como – che vede coinvolti il Museo Archeologico Paolo Giovio, il Museo Storico Giuseppe Garibaldi, la Pinacoteca Civica e il Tempio Voltiano – la sperimentazione avrà una durata di un anno, al termine del quale si verificheranno i risultati, sia sotto il profilo culturale che economico.

“L’esperienza dell’abbonamento Musei Torino Piemonte è un punto di riferimento importante – spiega Cavadini – Si tratta di un modello virtuoso che adesso si proverà ad applicare anche in Lombardia. Como c’è e farà la propria parte. Nell’anno di Expo, del resto, si tratta di un’occasione per ampliare il nostro pubblico”.