Cinque disegni di Sant’Elia delle collezioni civiche alla Kunsthalle di Kiel

Dal 10 ottobre 2014 all’8 febbraio 2015

 

La Kunsthalle di Kiel (Schleswig-Holstein – Germania) commemora l’anniversario dell’inizio della prima guerra mondiale con una mostra, Falling Stars, dedicata agli artisti le cui vite e le cui carriere artistiche hanno trovato una brusca fine a causa della guerra e delle circostanze concomitanti. Il titolo completo della mostra “Sterne fallen. Von Boccioni bis Schiele. Der Erste Weltkrieg als Ende europäischer Künstlerwege” (Stelle cadenti. Da Boccioni a Schiele. La prima guerra mondiale come fine della strada degli artisti europei) cita un verso del poeta espressionista August Stramm, che ha scritto la poesia “Wunde” durante la prima guerra mondiale e fu anche una delle sue numerose vittime.
L’esposizione presenta un’interessante panoramica della cultura europea prima della grande guerra attraverso le opere di 60 artisti di 12 nazioni diverse. Alcuni dei nomi sono indelebilmente impressi nella memoria degli appassionati d’arte. Tale è il caso, per esempio, di Franz Marc e August Macke, Albert Weisgerber, Umberto Boccioni e Antonio Sant’Elia. Quest’ultimo è rappresentato da cinque disegni concessi in prestito dalla Pinacoteca Civica di Como. Molti altri artisti trovano per la prima volta, con questa mostra, un forum pubblico di livello internazionale. Falling Stars offre un ampio spettro di stili e di movimenti sorti in un periodo di tempo immerso in una situazione di drastici sconvolgimenti politici e di radicali cambiamenti artistici. La gran parte dei dipinti, delle stampe, dei disegni e delle sculture esposte sono opera di giovani talenti che non hanno avuto abbastanza tempo per trovare la maturità nel loro lavoro. La mostra evidenzia questa cesura che ha influenzato l’arte moderna in generale.

I musei prestatori vanno  dalla Tate di Londra al Museo di Stato Russo di San Pietroburgo, dalla Fundação Calouste Gulbenkian di Lisbona al Modern Museet di Stoccolma.

La mostra resterà aperta dal 10 ottobre 2014 all’8 febbraio 2015.

Artisti: Louis Abel-Truchet, Paul Adametz, Anton Albers dj, Hans Barthelmess, Josef Berchtold, Benno Berneis, Ernst Bischoff-Culm, Umberto Boccioni, Walther Bötticher, Hanns Bolz, Aroldo Bonzagni, Hans Beppo Borschke, Wladimir Burljuk, Ernst Burmester, Gustav Crecelius, Raymond Duchamp-Villon, Leopold Durm, Hans am Ende, Joe inglese, Hans Fuglsang, Henri Gaudier-Brzeska, Gustav Gildemeister, Harold Gilman, Hans Gsell, Raymond de la Haye, Franz Henseler, Franz Hofer, Bruno Giacobbe, Gustav Kampmann, Bohumil Kubišta, Maximilian Kurzweil, Michail Le-Dantju, Wilhelm Lehmbruck, Hans Lesker, Siegfried von Leth, Friedrich Lissmann, Ivan Lönnberg, August Macke, Franz Marc, Wilhelm Morgner, Franz Nolken, Nadežda Petrović, Jindřich Prucha, Waldemar Rösler, Walter Rosam, Olga Rozanowa, Antonio Sant’Elia, Kurt Schäfer, Egon Schiele, Jules Schmalzigaug, Götz von Seckendorff, Rudolf Sievers, Amadeo de Souza-Cardoso, Hermann Stemmler, Hermann Stenner, Hans Sutter, Karl Thylmann, Albert Weisgerber, Konrad Westermayr, Josef Alfons Wirth

Catalogo
curatori: Peter Thurmann, Anke Dornbach, Anette Hüsch
247 pagine, 180 tavole a colori
ISBN 978-3-7319-0134-1
Michael Imhof Verlag, Petersberg
Tedesco / inglese
28 Euro